PRESENTA
NEW

PRECIOUS

L’incredibile varietà e rarità delle pietre di colore che contraddistinguono ogni gioiello Pomellato sono l’espressione più alta della natura, nonché la quintessenza del marchio.

Ametista

L’ametista appartiene alla famiglia del quarzo e, grazie alla presenza di ferro nella sua composizione, può assumere numerose tonalità diverse, che vanno dal lilla pallido al viola intenso.

Calcedonio

Varietà di quarzo dall’inusuale struttura microcristallina, questa pietra è solitamente traslucida e spesso opalina o tendente al grigio.

Diamante

Tra tutti i materiali a noi noti, il diamante è il più duro presente in natura. Composto interamente da carbonio, vanta una ricca varietà di colorazioni e gradi di purezza, che vanno dal bianco (incolore) al giallo, brown, nero, blu, verde, rosso, champagne, cognac, fino al rarissimo lilla.

Granato

Il nome di questa pietra deriva dal latino “granatus”, melagrana, ed evoca il colore e la forma di alcuni dei suoi cristalli. Utilizzato sin dall’Età del Bronzo come pietra preziosa, il granato si presenta in numerose tonalità, come il rosso (la più conosciuta e popolare), l’arancio, il giallo, il verde, il viola, il bruno e il rosa.

Lapislazzuli

Il suo nome deriva dall’unione di due parole: “lapis”, pietra in latino, e “lazhward”, che in persiano significa “azzurro”. Pietra semipreziosa di un azzurro intenso, spesso con inclusioni dorate di pirite, il lapislazzuli è molto ricercato sin dall’antichità proprio per il suo colore acceso. Impiegato dagli antichi Egizi, Greci e Romani, vanta una delle tradizioni più lunghe in gioielleria.

Onice

Varietà di calcedonio, l’onice è caratterizzata da striature parallele che possono assumere quasi tutti i colori, sebbene la più apprezzata sia quella con striature bianche e nere. Nota sin dall’antichità, questa pietra dura veniva tradizionalmente impiegata con taglio cabochon, in perline o come base per la realizzazione di incisioni e cammei.

Prasiolite

Varietà di quarzo di una tonalità verde brillante che la rende molto rara e ricercata. “Prasiolite” significa pietra di color verde scalogno. Si trova generalmente all’interno di pietre vulcaniche dalle notevoli proprietà di resistenza e durevolezza.

Quarzo

Il quarzo è uno dei minerali più diffusi sulla Terra. Numerose sue varietà sono pietre semipreziose. Il cristallo di rocca è incolore, le altre varietà vengono classificate in base alla loro colorazione e struttura microcristallina. Ametista, quarzo rosa, calcedonio, avventurina, occhio di tigre e citrino sono solo alcune delle varietà di quarzo utilizzate in gioielleria sin dall’antichità.

Rubino

Il rubino è, insieme allo zaffiro, una delle pietre più preziose della famiglia del corindone. La presenza di cromo nella sua struttura cristallina gli conferisce la caratteristica colorazione che va dal rosa al cremisi. Non a caso il suo nome deriva dal latino “ruber”, che significa rosso. La qualità di un rubino è determinata dal suo colore, dal taglio e dalla trasparenza. Il rosso più intenso e prezioso è detto rosso sangue o “sangue di piccione”. Il rubino più costoso al mondo è il Sunrise Ruby.

Zaffiro

Generalmente di colore blu, lo zaffiro può assumere anche colorazioni “fancy”, come giallo, viola, arancio e verde. Gli zaffiri blu più pregiati hanno una tonalità compresa tra il blu fiordaliso e il blu purpureo. Gli zaffiri blu si presentano in numerose combinazioni di colore primario (il blu, appunto) e colorazioni secondarie, diverse tonalità (gradazioni) e vari livelli di saturazione (intensità).

Topazio

Questa pietra preziosa, il cui nome deriva dall’Isola di Topazos nel Mar Rosso, si trova in molteplici colori: incolore, bianco, azzurro pallido, verde pallido, giallo, giallo bruno e rosso. In gioielleria solitamente si impiega la varietà trasparente o traslucida.

Ametista

L’ametista appartiene alla famiglia del quarzo e, grazie alla presenza di ferro nella sua composizione, può assumere numerose tonalità diverse, che vanno dal lilla pallido al viola intenso.

SCOPRI DI PIU'

Calcedonio

Varietà di quarzo dall’inusuale struttura microcristallina, questa pietra è solitamente traslucida e spesso opalina o tendente al grigio.

SCOPRI DI PIU'

Diamante

Tra tutti i materiali a noi noti, il diamante è il più duro presente in natura. Composto interamente da carbonio, vanta una ricca varietà di colorazioni e gradi di purezza, che vanno dal bianco (incolore) al giallo, brown, nero, blu, verde, rosso, champagne, cognac, fino al rarissimo lilla.

SCOPRI DI PIU'

Granato

Il nome di questa pietra deriva dal latino “granatus”, melagrana, ed evoca il colore e la forma di alcuni dei suoi cristalli. Utilizzato sin dall’Età del Bronzo come pietra preziosa, il granato si presenta in numerose tonalità, come il rosso (la più conosciuta e popolare), l’arancio, il giallo, il verde, il viola, il bruno e il rosa.

SCOPRI DI PIU'

Lapislazzuli

Il suo nome deriva dall’unione di due parole: “lapis”, pietra in latino, e “lazhward”, che in persiano significa “azzurro”. Pietra semipreziosa di un azzurro intenso, spesso con inclusioni dorate di pirite, il lapislazzuli è molto ricercato sin dall’antichità proprio per il suo colore acceso. Impiegato dagli antichi Egizi, Greci e Romani, vanta una delle tradizioni più lunghe in gioielleria.

SCOPRI DI PIU'

Onice

Varietà di calcedonio, l’onice è caratterizzata da striature parallele che possono assumere quasi tutti i colori, sebbene la più apprezzata sia quella con striature bianche e nere. Nota sin dall’antichità, questa pietra dura veniva tradizionalmente impiegata con taglio cabochon, in perline o come base per la realizzazione di incisioni e cammei.

SCOPRI DI PIU'

Prasiolite

Varietà di quarzo di una tonalità verde brillante che la rende molto rara e ricercata. “Prasiolite” significa pietra di color verde scalogno. Si trova generalmente all’interno di pietre vulcaniche dalle notevoli proprietà di resistenza e durevolezza.

SCOPRI DI PIU'

Quarzo

Il quarzo è uno dei minerali più diffusi sulla Terra. Numerose sue varietà sono pietre semipreziose. Il cristallo di rocca è incolore, le altre varietà vengono classificate in base alla loro colorazione e struttura microcristallina. Ametista, quarzo rosa, calcedonio, avventurina, occhio di tigre e citrino sono solo alcune delle varietà di quarzo utilizzate in gioielleria sin dall’antichità.

SCOPRI DI PIU'

Rubino

Il rubino è, insieme allo zaffiro, una delle pietre più preziose della famiglia del corindone. La presenza di cromo nella sua struttura cristallina gli conferisce la caratteristica colorazione che va dal rosa al cremisi. Non a caso il suo nome deriva dal latino “ruber”, che significa rosso. La qualità di un rubino è determinata dal suo colore, dal taglio e dalla trasparenza. Il rosso più intenso e prezioso è detto rosso sangue o “sangue di piccione”. Il rubino più costoso al mondo è il Sunrise Ruby.

SCOPRI DI PIU'

Zaffiro

Generalmente di colore blu, lo zaffiro può assumere anche colorazioni “fancy”, come giallo, viola, arancio e verde. Gli zaffiri blu più pregiati hanno una tonalità compresa tra il blu fiordaliso e il blu purpureo. Gli zaffiri blu si presentano in numerose combinazioni di colore primario (il blu, appunto) e colorazioni secondarie, diverse tonalità (gradazioni) e vari livelli di saturazione (intensità).

SCOPRI DI PIU'

Topazio

Questa pietra preziosa, il cui nome deriva dall’Isola di Topazos nel Mar Rosso, si trova in molteplici colori: incolore, bianco, azzurro pallido, verde pallido, giallo, giallo bruno e rosso. In gioielleria solitamente si impiega la varietà trasparente o traslucida.

SCOPRI DI PIU'